Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

MAXMAGNUS – MAX BUNKER (OSCAR INK)


MaxMagnus

 

di  FRANCESCO CECCAMEA

Di solito le introduzioni a un volume lasciano il tempo che trovano ma nel caso di quella firmata da Gabriele Frasca all’inizio del Maxmagnus di Bunker non è così. Oltre a essere scritta davvero bene offre uno sguardo intrigante e accorto sull’epopea dell’irresistibile tiranno e il suo (in)fido amministratore. Le strisce complete raccolte nel libro edito dalla Mondadori per la collana Oscar Ink in edizione restaurata, ha il pregevole merito di offrire al pubblico un momento magari non così noto del sodalizio Bunker-Magnus ma da riscoprire doverosamente. Nato sulla rivista Eureka dell’Editoriale Corno nel 1968 e raccolto in volume per la prima volta nel 1971, Maxmagnus mantiene lo stile tipico delle strisce basate sul meccanismo dell’eterno ritorno ma solo a Il giorno dei bagordi, episodio che anziché mantenere la solita lunghezza si protrae per otto pagine meravigliose. Da lì in poi storia guadagna un passo consequenziale fino all’epilogo tragicomico del re Maxmagnus destituito dal popolo in rivolta e mandato in esilio con l’intera sua famiglia reale in groppa a un somaro. L’ironia e l’aspetto buffo dei personaggi principali, perfidi e miserabili, ingentiliscono una vicenda piuttosto sanguinaria e crudele che mostra il filo genetico di Maxmagnus con l’autore di Satanik e Kriminal. (Un esempio su tutti è l’albero di natale con gli impiccati). Il re pacioccone e l’amministratore furbastro sono macchiette irresistibili e nonostante spremano la plebaglia senza alcuna pietà, spazzando via con violenza qualsiasi manifestazione di scontento, non riusciamo ad avercela con loro. E quasi ci dispiace quando nelle risolutive tavole un corteo di contadini armati di forconi, zappe falci e martelli (più chiaro di così) prendono d’assedio il troneggiante e cupo castello ai cui piedi per 60 e passa pagine sono stati consumati i soprusi più detestabili e le angherie più inverosimili. L’amministratore è in cella durante la rivolta (ci finisce spesso in punizione per tentativi di furto ai danni del Re) e sta attendendo la sua esecuzione. Preferisce la morte piuttosto che sposare la figlia inguardabile del sovrano. L’arrivo dei facinorosi è una manna per lui che si ritrova da indifendibile sanguisuga delle finanze reali e mastino tassatore in una specie di martire del popolo. Il capovolgimento delle parti lascia sempre il potere in cima a tutto e come un contadino in fila dice nelle ultime vignette in maniera populistica e inevitabile “cambiano i suonatori ma la musica l’è sempre la stessa”. E va detto che lo sguardo disincantato di Max Bunker si nota da cima a fondo. La pugna conclusiva dei poveri contadini vessati e angariati da un sovrano disumano e insaziabile è solo un’occasione per chiosare in modo estremamente cinico su quanto sia la natura stessa degli uomini il vero limite contro cui nessuna forma di idealismo, sempre concepito dagli uomini, possa far molto. Le leggi di natura vincono sui principi e quando i poveri prendono il potere e dichiarano che i ricchi pagheranno e i poveri saranno esentati dalle tasse, l’ex Amministratore di Maxmagnus, ricondotto al suo ruolo di maneggione dal popolo stesso che tanto l’ha odiato, fa notare che ora i ricchi sono proprio loro!

Magazine

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:7076 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:8609 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:8894 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:8765 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:8569 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:8682 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:9403 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto