Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Capitan Harlock all'arrembaggio con la sigla TV

di Giuseppe Pollicelli*

Doveva essere il 1995 ed eravamo nella sede romana della casa editrice Donzelli, che all’epoca fungeva da punto d’appoggio per i collaboratori di un’effimera rivista diretta da Goffredo Fofi, «La terra vista dalla luna». Io facevo parte del giovanissimo comitato redazionale e, durante una riunione, si finì non so come a parlare delle sigle italiane dei cartoni animati giapponesi, contro le quali Fofi si affrettò a scagliare uno dei suoi famigerati strali, definendole omologanti e diseducative poiché emanazioni del potere corruttivo della cultura di massa. L’anatema non mi convinceva per niente e allora, benché gli altri redattori (tra cui il già bravissimo Emiliano Morreale, oggi Conservatore della Cineteca Nazionale e critico cinematografico di «Repubblica») assentissero in silenzio, mi feci coraggio e, malgrado i miei vent’anni, osai contraddire l’autorità. Presi la parola e domandai a Fofi se gli capitasse mai di ricantare le canzoni popolari che, da ragazzino, ascoltava nella sua Gubbio. «Certo che le canto», disse lui. «Ecco, è la stessa identica cosa», gli risposi. Probabilmente senza convincerlo e, certamente, senza ottenere la solidarietà degli altri ragazzi, i quali però, ne sono sicuro, la pensavano come me. Anche se ho dovuto attendere quasi vent’anni, sono lieto che adesso un libro confermi che avevo ragione. Si tratta del saggio Cartoon Heroes. Gli artisti di trent’anni di sigle TV (pp. 144, euro 14), appena pubblicato da Kappalab e scritto da due esperti della materia: Mirko Fabbreschi e Fabio Bartoli. Gli autori, il primo leader della band dei Raggi Fotonici (specializzata nell’esecuzione live delle più famose sigle di disegni animati nipponici) e il secondo studioso di comunicazioni, spiegano in modo convincente che la composizione di una bella sigla è operazione che non ha nulla di meno nobile rispetto alla composizione di un bel pezzo di musica leggera: in entrambi i casi occorrono ingegno, inventiva, mestiere, capacità di rivolgersi al proprio pubblico di riferimento e, ovviamente, un’apprezzabile conoscenza della musica. Non a caso, alla creazione di tante sigle di disegni animati giapponesi hanno contribuito fior di musicisti come Vince Tempera, Riccardo Zara, Nico Fidenco, Detto Mariano e i fratelli De Angelis. In questo specifico ambito, la produzione italiana ha toccato livelli di eccellenza sconosciuti agli altri Paesi occidentali, dando vita a un vero e proprio genere a sé stante che è anche un capitolo di rilievo nella storia della nostra musica pop e commerciale. Brani memorabili come Jeeg Robot («Corri ragazzo laggiù, / vola tra lampi di blu, / corri in aiuto di tutta la gente / dell’umanità…»), Capitan Harlock («Capitan Harlock! / Capitan Harlock! / Capitan Harlock! / Un pirata tutto nero che per casa ha solo il ciel / ha cambiato in astronave il suo velier (urrà!)…»), Daitarn 3 («Uno per tre e tre per uno perché / insieme noi usciamo sempre dai guai / e difendiam la terra dall’ombra della guerra…»), Ken il Guerriero («Mai, mai, scorderai l’attimo, la terra che tremò, / l’aria s’incendio e poi silenzio. / E gli avvoltoi sulle case sopra la città, senza pietà…»), Lady Oscar («Grande festa alla corte di Francia, c’è nel regno una bimba in più…), Mimì e le ragazze della pallavolo («Mimimimimì con le mani tiri come uragani / di avversari tu non ne hai più, / quanta fatica arrivare lassù ma stasera chi vince sei tu…»: la si immagini cantata con testo in inglese e un arrangiamento più lento, non è inferiore a Take My Breath Away), alcuni dei quali reincisi in versione acustica da gruppi storici quali i Cavalieri del Re e i Superobots nel prezioso cd allegato al libro, hanno un ruolo di primo piano nella personale colonna sonora di milioni di persone. Sulle quali esercitano, per dirla con Pasolini, il potere «abiettamente poetico di rievocare un tempo perduto». In molti lamentano che le odierne sigle italiane dei cartoni giapponesi non abbiano la stessa forza, la stessa originalità, la stessa compiutezza di quelle di venti o trent’anni or sono. A parte che in futuro chi è oggi bambino la penserà forse diversamente, se così fosse non ci sarebbe da stupirsi: l’età dell’oro delle sigle è paragonabile a fenomeni come la nouvelle vague nel cinema, i quali si producono per l’azione concomitante di fattori culturali, sociali e storici che non sono ripetibili. Nella sua prefazione al libro, Vince Tempera sottolinea giustamente che, quando gli fu affidato l’incarico di comporre Ufo Robot, aveva davanti a sé un territorio completamente vergine in cui sperimentare. Perciò, se nessun altro cartone animato potrà mai godere di una sigla potente come quella dell’Uomo Tigre, non ci si deve rammaricare. È normale, e giusto, che sia così.

cartoonheroes

*Articolo tratto dal quotidiano Libero del 6 marzo 2013. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:4365 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:5716 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:6126 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:5909 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:5627 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:5935 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:6586 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto