Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Intervista » GÉRARD BIARD, redattore capo di «CHARLIE HEBDO»

charlie hebdo intouchables 2di Francesco Borgonovo*

L’ultima volta che ho incontrato Gérard Biard, redattore capo del settimanale satirico francese «Charlie Hebdo», ho dovuto raggiungerlo in un pub. In quel momento, infatti, non disponeva di un ufficio né di una redazione: gliel’avevano appena fatta esplodere con una bomba. Era la risposta dei fanatici islamisti al numero speciale del giornale che pubblicava in copertina una vignetta su Maometto. L’avevano intitolato Sharia Hebdo e avevano nominato il Profeta direttore. Nell’illustrazione di prima pagina lo si vedeva allegro mentre diceva: «Cento colpi di frusta se non morite dal ridere». I musulmani non hanno gradito l’ironia e tre giornalisti (il direttore Charb, i vignettisti Luz e Riss) sono finiti sotto protezione. Poco meno di un anno dopo la storia si ripete. Come allora, il sito del giornale è stato bloccato da un attacco hacker. Le ambasciate francesi sono state chiuse in venti Paesi, per precauzione. La redazione«ha ricevuto in queste ultime ore minacce e intimidazioni», Colpa, ancora una volta, di un pugno di vignette raffiguranti Maometto. Le hanno pubblicate sulla quarta di copertina, dopo il caos scoppiato in Libia per il famigerato film “anti-islamico”. In una si vede il Profeta nudo, con una stellina opportunamente posizionata sul sedere e la scritta «È nata una stella». In un’altra, il medesimo soggetto - sempre senza vestiti - è ritratto in posa lasciva, come una diva viziosa. Secondo Charb, niente di terrificante: «Le vignette sconvolgeranno solo quelli che vorranno essere sconvolti», aveva annunciato. Anche a parere di Biard si tratta di ordinaria amministrazione satirica. «Questa volta non abbiamo fatto un numero speciale», mi racconta al telefono. «C’è una vignetta in copertina (con un musulmano e un ebreo, nda) e altre nelle pagine interne. Non pensavamo che di nuovo sarebbe successo un putiferio del genere. Roba da matti». Dopo tutto, quei disegni sono il loro modo di fare giornalismo. «Perché abbiamo fatto queste vignette? Perché non potevamo fare altro. Siamo un giornale satirico, l’attualità ci ha portato a occuparci di quest’argomento. C’è stato il film, il caos in Libia, l’ambasciatore ucciso. L’attualità era quella, la scelta era obbligata». A dire il vero, anche l’anno scorso la decisione di uscire con il fascicolo speciale seguiva precisi avvenimenti. C’era stata la guerra in Libia, si parlava di “sharia dolce”. E a «Charlie» l’hanno interpretata col loro stile. La sensazione, tuttavia, è che quella volta attorno alla rivista ci fosse maggior calore. «C’è una solidarietà che fa piacere», mi disse Gérard. «Anche da parte dei nostri nemici classici, penso per esempio a Marine Le Pen, al ministro degli Interni…».

Adesso, invece, è arrivata una denuncia per incitazione all’odio. Del resto è stato il premier francese Ayrault a invitare chi si sentisse offeso dalle vignette a rivolgersi al tribunale. Insomma, sembra che stavolta questi satirici siano sospettati di provocazione gratuita. «Non è provocazione», mi dice Biard. «Noi facciamo un giornale satirico. Se l’attualità riguarda l’islam, noi ce ne dobbiamo occupare. Siamo da sempre un giornale contro le religioni, se l’attualità e religiosa, che dobbiamo fare, ignorarla? Ti ripeto quello che ti ho detto un anno fa, quando ci accusavano di aver fatto una provocazione per cercare pubblicità. Noi rispettiamo la legge, le provocazioni le fa chi vuole inserire nel diritto francese il delitto di blasfemia».

«Charlie», che già nel 2006 realizzò una copertina “a rischio” (ritraeva Maometto disperato che diceva: «È dura essere amato da dei coglioni»), ha vinto delle cause in tribunale: «Abbiamo dimostrato chiaramente che nel diritto francese la blasfemia non c’è». A quanto pare, anche il pubblico apprezza. Il numero è andato esaurito, proprio come accaduto dodici mesi fa (se ne vendettero centinaia di migliaia di copie).

Ma scontrarsi con gli estremisti di sicuro non è un buon affare, per quanto possano essere soddisfacenti i risultati in edicola. «Non abbiamo organizzato niente, non abbiamo chiesto gli insulti e le minacce. Pensi che ci faccia piacere vedere i nostri computer a pezzi sul marciapiede?», mi ha detto Gérard quando ancora le macerie della sua redazione fumavano grazie a una cura molotov. Le sue parole valgono anche adesso, e non sono quelle di un provocatore. Avevamo già la scorta, adesso ce l’hanno aumentata. «Roba da matti». Appunto.

*Articolo apparso su "Libero" del 20 settembre 2012. Per gentile concessione dell'autore. 

Magazine

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:1037 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:1955 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:2395 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:2345 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:2229 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:2557 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:3063 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto