Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. Elezioni politiche 2018. Pensieri a posteriori

 edicola

Di Alessandro Bottero

Prima delle elezioni avevo detto su Facebook, esponendomi, cosa pensavo sarebbe successo. Avevo detto che il Movimento 5 Stelle sarebbe stato il primo partito, al 30%. Avevo detto che la coalizione di Centro Destra sarebbe stata la più votata al 35%. Avevo detto che il PD avrebbe toccato il 25% . E avevo detto che dopo le elezioni PD e FI avrebbero fatto un governo di coalizione.

Ci ho preso al 50%. Ma ho anche sbagliato in alcuni elementi fondamentali. Non avrei mai immaginato che il PD crollasse fino a questo punto. Non che la cosa mi dispiaccia, visto che questo potrebbe finalmente significare l’uscita di Renzi dalla scena politica, dopo che lo stesso non aveva mantenuto l’impegno di ritirarsi dalla politica se avesse perso il referendum del 4 dicembre 2016. Ma è un elemento che, collegato al crollo di Forza Italia, esclude a priori qualsiasi ipotesi di coalizione tra i due autentici perdenti delle elezioni.

Prevedevo un risultato della Lega maggiore del 12% che gli attribuivano i sondaggi, perché il fatto che i sondaggisti e gli opinionisti di giornali e TV ancora non hanno capito è che le persone spesso mentono, non dicendo che voteranno per un partito o una posizione che il pensiero dominante stigmatizza come “sbagliata” o “populista”. È lo stesso errore  fatto su Trump che per i sondaggi all’apertura delle votazioni USA era indietro di 10% rispetto a Hilary Clinton, o per la Brexit, quando tutti i sondaggi davano in vantaggio la posizione del restare nell’UE.  I sondaggi sono falsi perché le persone che non vogliono fare “brutta figura” col sondaggista evitano di dire “Sì, voterò Lega anche se non l’ho mai fatto pima perché mi riconosco nelle idee di Salvini”, o “Sì, voterò Trump anche se tutti i giornali e le TV dicono che è un coglione, perché mi stanno più sui coglioni quelli della casta. Almeno Trump gliele canta chiare”. Questo elettorato di pancia mente durante i sondaggi, e poi vota.

Ecco perché pensavo che la Lega potesse avere un buon risultato. Sempre su Facebook mesi fa dissi “Le elezioni le vincerà chi sarà più duro con gli immigrati”. E dissi anche “Succederà qualcosa di eclatante, che sarà usato a fini elettorali”. Ed è successo esattamente questo (almeno nel centrodestra). Se ho la percezione che gli immigrati siano un pericolo, voterò per chi ha sempre preso posizioni che accarezzano questa mia paura. Non per chi ci arriva adesso, imitando l’originale. Per parlare chiaro. Se desidero decisioni dure verso gli immigrati voterò Lega, non il PD solo perché ADESSO Minniti fa una politica di destra. Tra l’originale e l’imitatore, scelgo l’originale.

Comunque mi ero sbagliato sottovalutando il crollo di PD e FI. E quindi la Krosse Coalizione all’amatriciana è impossibile.

Cosa succederà secondo me?

Fossi Mattarella  la cosa che farei sarebbe prendere tempo per far calmare le acque e DISTANZIARE il momento della scelta dalla campagna elettorale. La politica ha la memoria di un’effimera, e già tra due/tre settimane le cose dette in campagna elettorale gli uni contro gli altri saranno cose passate. Ora i toni sono ancora roventi, ma dategli  due/tre settimane (direi dopo Pasqua) e le cose saranno ben diverse.

 Se fossi Matterella allora prenderei tempo NON dando un incarico a Di Maio o Salvini, ma farei come fece Ciampi anni fa. Individuerei una figura all’interno dell’entourage della presidenza del Consiglio e gli affiderei un mandato ESPLORATIVO, per sondare il terreno. All’epoca Ciampi lo fece con Antonio Maccanico. In una situazione di tensione e scontri tra le parti Maccanico ebbe un mandato esplorativo per vedere come stavano le cose, se i partiti si parlavano tra di loro, e se era possibile  arrivare a qualche intesa. NON per formare un governo, ma per avere il tempo di far decantare le cose. Un mandato esplorativo  darebbe a Mattarella e ai partiti almeno una settimana di tempo per riflettere e parlare, mentre dando un incarico ufficiale adesso a Di Maio o a Salvini significherebbe bruciarli.

A questo punto io , sempre se fossi Mattarella, darei mandato a Di Maio in quanto partito con il numero maggiore di parlamentari. La costituzione infatti stabilisce che i parlamentari sono “Senza vincolo di mandato”, e l’essere stati eletti in una COALIZIONE non significa assolutamente nulla. Non esiste alcun obbligo formale per cui  un partito che si è presentato all’interno di una coalizione debba rimanere VINCOLATO all’interno di quella coalizione.  I parlamentari sono liberi da vincoli, e si decide nel presente, non nel passato. Il dato che conta è la consistenza del gruppo parlamentare, e quindi a logica  il primo incarico lo deve avere il Movimento 5 Stelle. Infatti l’incarico nel  caso di Salvini lo avrebbe Salvini in quanto segretario della LEGA , non in quanto rappresentante di una coalizione. I numeri della coalizione non sono infatti certi, in quanto non esiste alcun vincolo tra i partiti che l’hanno formato.

Allora incarico a Di Maio. Di Maio a questo punto chiederà chi vuole aderire al loro programma. E qui ci vorrebbe un colpo di genio.

Il colpo di genio sarebbe dire “Aderiamo noi. Entriamo nel  governo. NON VOGLIAMO NESSUN MINISTRO. Ci vanno bene i ministri che avete scelto, ma vogliamo la MAGGIORANZA dei posti da sottosegratari, la presidenza delle commissioni parlamentari più importanti, e i posti AMMINISTRATIVI e di REGOLAMENTAZIONE  della vita politica. Voi 5 Stelle fate pure i ministri. Noi appoggiamo il governo e prendiamo i posti dove  c’è il VERO potere”. Questo sarebbe un colpo di puro genio anche scommettendo sulla INESPERIENZA di ministri 5 Stelle che, nei fatti, sarebbero costretti sempre di più ad appoggiarsi al lavoro dei sottosegretari, dei dirigenti di dipartimento, e dei presidenti delle commissioni. Oltretutto in questo modo la “faccia” sulle decisioni più impopolari le metterebbero solo i 5 Stelle, mentre l’eventuale alleato (PD o Lega), potrebbe sempre dire “Io non c’ero. Mi sono fidato di loro, come voi elettori”. 

Quindi se fossi Salvini, o chi del PD  tratterà non farei nemmeno finire Di Maio e dire “Mi va bene tutto. Ti appoggio. Ministri quelli che dici te. Ora passiamo alle altre caselle”.

Ma sarebbe troppo geniale, per cui credo non accadrà.

Magazine

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:5083 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:6481 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:6895 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:6643 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:6368 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:6672 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:7356 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto