Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Editoriale. George Romero

romeroDi Alessandro Bottero

Dopo Alan Altieri un altro grande narratore ci ha lasciati. Dico narratore e non regista perché George Romero era un narratore per immagini, uno che sapeva raccontare una storia. Romero è morto il 16 luglio di questo 2017, ultimo grande  regista horror a svanire tra le quinte. L’horror è un genere molto  particolare. È delicato.  Basta un nulla per  tramutarlo in farsa o schifezza. È complesso . Non basta  il sangue o la violenza. Volendo essere  squisitamente tecnici  il gore o lo splatter non sono horror, sono altre cose. E film o narrazioni di ultraviolenza non sono horror. Sono altre cose.  L’Horror è un qualcosa di al tempo stesso preciso e indefinito. Quando  si ha di fronte il vero horror  lo si riconosce senza sbagliare. È un qualcosa di autoevidente. Lo vedi e lo riconosci per quel che è in se stesso. Se vogliamo l’horror è un genere che non deriva da altri generi, non è un sotto genere di questo o quello. È un genere archetipo, e in quanto tale tocca le corde del nostro inconscio. L’horror  è impalpabile e  spesso agisce più per  evocazione, per allusione, per  suggerimento più che per  evidenza  sguaiata.

Quando Romero debuttò nel 1968  con il suo primo  film LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI usò proprio questi elementi – allusione, evocazione, suggerimento – per dare vita a un filone che ancora oggi a 49 anni di distanza  è vivo e vegeto, ossia lo Zombie Movie.

Il primo film di Romero codifica il nuovo modo di vedere i non morti, oltrepassando i limiti delle mummie egizie riportate in vita da incanti o amuleti, per far deflagrare nell’immaginario collettivo  una serie di elementi  che da quel momento in poi non  si cancelleranno più.

Con quel primo film Romero  infatti  definì le coordinate di tutte le opere narrative (letterarie, cinematografiche, a fumetti, televisive) che utilizzano zombie.

Prima cosa: non esiste una spiegazione scientifica  (come nel caso di Frankenstein) o magica (la Mummia) del perché gli Zombi  esistano.  Nel primo film   vi sono vaghi accenni a un possibile virus spaziale, ma sono solo  elementi pseudoscientifici inseriti per  rassicurare produttori e  spettatori. In realtà nel nuovo universo zombie  creato da Romero e in cui noi tutti viviamo da quasi 50 anni  non esiste spiegazione per gli Zombie. Gli Zombie esistono, punto e basta. Basti pensare che né Walking Dead, né Crossed (le due ultime  esplorazioni sul tema) hanno mai  dato una “spiegazione” agli Zombie. L’esistenza della cosa è spiegazione in se stessa.

Seconda cosa: gli Zombie sono un elemento che quando appare lo fa su scala globale. Non è più un horror circoscritto alla Casa stregata, o al Laboratorio. Gli Zombi da Romero in poi sono sempre un’INVASIONE zombie.

Terza cosa legata alla precedente: col loro essere un’invasione gli Zombie  cambiano  irreversibilmente e profondamente il mondo. Nell’universo Zombie  di Romero   esiste un prima Zombie e un dopo Zombie, e  anche se l’uomo sopravvive  e sconfigge la minaccia degli Zombie  la società ormai è cambiata in modo irreversibile.

Ovviamente questi elementi non sono tutti presenti in modo esplicito nel primo film di Romero. Erano presenti in modo  chiaro ma  seminale, e poi si sono sviluppati e codificati lentamente nel corso di questi anni, e soprattutto negli altri film che il regista dedicò a questo tema.

Però si può dire benissimo che se oggi vediamo The Walking Dead alla TV è perché Romero realizzò il suo film, e se leggiamo il fumetto The Walking Dead è perché  Romero  nel 1968 realizzò  il suo film.

E la cosa interessante è che Romero nel suo film di 49 anni fa fu molto più intelligente,   duro,  e critico verso la società  di quasi tutti i suoi  epigoni. Quando nella sequenza finale il sopravvissuto negro  mostra la testa  e lo vediamo inquadrato nel mirino del fucile di un poliziotto che gli spara credendolo  uno dei cattivi solo perché negro, Romero  con una sola sequenza dice tutto sul razzismo  che  nel 1968 era ancora  presente negli Stati Uniti (e lo è ancora oggi) . Per la polizia infatti  gli Zombie sono un pericolo inventato, mentre un negro con un fucile  è una minaccia all’ordine costituito da eliminare subito, e magari fare domande dopo.

Romero ci ha lasciati. A volte ha fatto film discutibili, a volte ha girato pellicole  per chiari motivi economici. Ma pochi autori come lui possono vantare di aver  reinventato da cima a fondo un genere, facendo sì che per cinquant’anni  tutti coloro che si sono accostati al genere da lui  reinventato seguissero le sue impronte.

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:563 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:774 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:863 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:825 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:1004 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1569 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2276 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto